sabato 14 marzo 2009

12x400 in pista

Su suggerimento di alcuni amici blogger ho deciso di inserire nella tabella per la Stramilano delle sedute di ripetute brevi, affiancandole a quelle sui 2000 e 3000 metri. Ho iniziato proprio oggi, approfittando della bella giornata che ha regalato una temperatura sui 15 gradi. Solitamente effettuo questi lavori sul naviglio, ma ho preferito fare un salto alla vicina pista di atletica di Cernusco sul Naviglio (segno che mi sto Luckyzzando :-))).
Dopo un riscaldamento di 8 giri parto con il primo dei 12 che chiudo in maniera un po' troppo brillante (anche tenendo conto che è da un po' che non eseguo questo genere di lavori): 1.14! So che sto andando un po' troppo tirato e dopo il recupero di 1.30 parto con il secondo: ancora 1.14! Nei giri successivi mi porto su un'andatura più consona alle mie possibilità, quindi intorno al 1.16-1.17 anche perchè inizio a sentire un po' le gambe imbalsamate dall'acido lattico. Alla fine la media dei 12 giri è di 1.16 e sono soddisfatto anche perchè nel precedente lavoro sui 400 mi ero fermato sulla media di 1.18. Bella la pista...da riprovare senza far passare tanto tempo!

11 commenti:

Kikko ha detto...

Bravo Andrea,spingi spingi che a Milano spacchiamo il cronometro...speriamo bene!

Micio1970 ha detto...

Bell'allenamento che ti tornerà molto utile! Buona domenica!

GIAN CARLO ha detto...

Grosse potenzialità...da sotto l'ora e 20

Fatdaddy ha detto...

Questa della pista mi manca, credo sia una sensazione diversa, sicuramente da provare...sempre ammesso che mi ci facciano entrare (creerei ingorghi!).

Furio ha detto...

Bella seduta, forse però i recuperi son stati troppo generosi; parlo senza essere molto esperto su quella seduta.

La pista di Cernusco è molto bella; è l'arrivo della maratonina vero?

Pimpe ha detto...

bravo andrea, io ho testato un poco di velocita' ieri sera .. provando in 1e 20 x 400 metri.. con recupero 1' pero' .. ma ero ancora stanco .. settimana prox vediamo..!
ciao

Francorre ha detto...

Bell'allenamento.
La pista dà sensazioni di certezza. Le misure sono quelle e non ci sono satelliti che tengano. Pertanto ti dà informazioni esatte.

Diego ha detto...

Ottimo ritmo !

Lucky73 ha detto...

Bene, infatti la Luckyte è una malattia che si trasmette anche per via etere :-))

Guarda che ti aspetto al giuriati all'ora di pranzo un giovedì, vedi di prenderti qualche permesso!

Potresti davvero fare faville!

antherun ha detto...

@Kikko: si a Milano correremo fianco a fianco così ci caricheremo vicendevolmente!

@Micio: bello indubbiamente...anche per variare: credo che lo ripeterò tra una decina di giorni..

@Giancarlo: secondo me ora dovrei essere su 1.22...ma meglio fare il tempo prima di parlarne, per scaramanzia :-))

@Fat: poi in pista sembra di essere un po' fuori dal tempo...il silenzio ovattato, il colore arancio...molto suggestivo!

@Furio: da quanto ho capito se fai i giri tirati e ti concedi un recupero più generoso si tratta di ripetute brevi, che stimolano la potenza anaerobica. Viceversa rallentando leggermente (per me ad esempio 400 in 1.20) però accorciando il recupero (ad esempio 1 minuto) fai una seduta di Interval Training, specifica per la capacità anaerobica. Sabato avevo voglia di tirare un po' di più :-))

@Pimpe: forse sei anche stanco per la gara no? ci sarai alla Stramilano?

@Francorre: infatti! con il cronometro hai il tempo "old-style", preciso e rigoroso!

@Diego: grazie Diego, si vede che mi volevo sfogare :-)) e poi correre sabato, quando non lavoro è un'altra storia...

@Lucky: mi pare di aver adocchiato un 10000...chissà chissà...anche se per le faville ci asono gli specialisti della distanza :-)

Igor ha detto...

Ottimo! Anche io vedo delle potenzialità da sotto 1h20. Questo genere di lavori è molto utile e rende la gamba brillante.

Posta un commento