sabato 9 maggio 2009

3-8: ambo sulla ruota di Zeloforamagno

Che bella esperienza! Dura, molto dura, ma stupenda! Arrivo in pista con largo anticipo e tra i vari gazebo cerco quello del gpg...alcuni sono veramente molto "professional" con tanto di pc, strumentazione tecnologica, ecc. Il nostro è bello "ruspante" (com'è giusto che sia), con tanto di salami&co. appesi! Bellissimo! Sbrigate le varie formalità e la consegna del chip/pettorale cerco di individuare lo stand della Michetta e, nel mentre, scorgo da lontano l'elegante figura di Nicola: ci presentiamo e ognuno inizia a fare un po' di riscaldamento. Si respira un'aria molto rilassata e non c'è quella tensione tipica delle competizioni. Si parte e sento subito Nicola "siamo troppo veloci!". Lui ha esperienza e gli credo , però mi sento anche molto bene e decido di vedere a quanto chiudo il primo giro: 1.27! Decido allora di mollare qualche secondo e i successivi 1.33, 1.28, 1.31, 1.33...L'idea iniziale era quella di stare sull'1.35, ma è difficile in gara rimanere alla stessa velocità. Continuo a girare sull'1.33, poi inizio a soffrire un po' per il caldo e la sete. Bevo un paio di volte molto velocemente, ma la stanchezza dopo la prima mezz'ora inizia pian piano a insinuarsi. Ed è soprattutto una questione mentale. Ad un tratto Nicola mi supera e rimango alle sue spalle per un po'; quando poi si ferma a bere anche lui, ripasso avanti. Siamo ad ogni modo sullo stesso passo e questo indubbiamente fa bene ad entrambi. Ogni giro di fronte al gazebo del gpg ricevo un forte sostegno e questo rende meno dura l'ultima parte della corsa. Gli ultimi 10 minuti sono però interminabili e inizio a perdere un po' di secondi. 38 giri li ho sicuri, ma 39? Alla fine sono 38 giri per 15,200 km. Il passo è un po' più di 1.34 di media. Sono però soddisfatto anche perchè, a mio avviso, la prestazione è difficilmente comparabile ad una corsa su strada. Ho imparato che la pista è dura e quando ad ogni giro vedi l'orologio che scandisce inesorabile i minuti bisogna tenere di "testa".
Davvero una bella esperienza e indubbiamente anche un ottimo allenamento per la mezza di Vercelli di domenica prossima! Grazie al gpg per il sostegno e a Nicola per l'esperienza che mi ha messo a disposizione.

12 commenti:

Pimpe ha detto...

bravo Andrea, nelle gambe hai sicuramente molto di piu' .. girare per un ora in pista e' invece , molto provante ,soprattutto per una questione di testa e di distribuzione dell'energie..
tutta esperienza ...
ciao

the yogi ha detto...

grande! ti sei gestito molto bene, 38 giri come prima volta sono tanti....

Danirunner ha detto...

Bella prova! in pista poi! in quella prima e unica esperienza finora che ho fatto in settimana, ho avuto la sensazione di di spingere e non andare, l'ampiezza di quello che circonda la pista disperde tutto e la velocità sembra venga mancare!

Fatdaddy ha detto...

Scusa, il salamino appeso mi aveva distratto...:)
Direi che come "battesimo da criceto" è andata benone!

Lucky73 ha detto...

Dal tuo racconto ho capito un pò cosa voglia dire correre l'ora in pista.

Di per se la pista è dura, ma mentalmente pensi al traguardo e che correndo più veloce arriva prima ...e questo è mentalmente adrenalinico ....

Nell'ora in pista c'è la "durezza" della pista, ma soprattutto non c'è forse quell'adrenalina che dico io ....e allora bisogna inventarsi qualcosa....

Il tuo racconto mi fa riflettere per un ipotetica ora in pista che, a questo punto, vorrei assolutamente provare ...

Bravo!

nicolap ha detto...

Bestia che fatica, ma ora sto benone.
Ma allo scoccare dei 15200 l'orologio cosa segnava? Dovresti cercare di capire dove ti trovavi esattamente allo scadere dei 60', per darti un obiettivo da migliorare l'anno prossimo.
Grazie per le foto.
Stanotte vorrei mettere a nanna la famiglia e scappare al campo (senza ritamponar) ma temo che non se ne farà nulla.

Furio ha detto...

Bella l'ora in pista, bravo!

antherun ha detto...

@Pimpe: si tanta tanta testa...però è stata une bella esperienza: c'è sempre da imparare!

@The yogi: l'idea era 39 ma come prima va bene...

@Danirunner: è vero, sembra si modifichi la percezione della velocità...

@Fat: il salame è stato il mio doping :-))

@Lucky: è proprio quello che intendevo in effetti, ma tu sarai comunque più abituato visto che gareggi spesso sul tartan :-))

@Nicolap: mi fa piacere averti conosciuto! E' stata dura e noi siamo stati anche fortunati per l'ora...per quelli che hanno corso dopo è stato ancora più duro. Comunque è un fascino decisamente diverso rispetto alle gare si strada!

@Furio: per curiosità ero andato a sbirciare sul tuo sito la tua ora: 15,7 e rotti!!! ma tu sei nato veloce!!! anche l'1.21 nella mezza alla prima esperienza...incredibile!!!

Kikko ha detto...

Bravo Andrea,guarda che hai fatto un ottima prestazione,in più era la prima volta che correvi un ora in pista!!!
Complimenti! :-)

Lucky73 ha detto...

Cerca di tenerti libero il 26 o 28 maggio sera che ti invito ai nostri campionati sociali Road in pista al XXV Aprile. Orario intorno alle 19.30/20.00

Sono 2 giornate in pista e ci sono tutte le gare fino al 5.000

Diego ha detto...

Complimenti !

P.s. ottimo test per la mezza !

Micio1970 ha detto...

Complimenti! Ottima prestazione e un buon allenamento per la mezza : 3'56'' alto a km è veramente un ottimo tempo!

Posta un commento